giovedì 28 luglio 2016

Marco Melandri e la seconda avventura in Ducati

Si aspettava solo l'annuncio, l'ufficialità di una notizia che ormai era sulla bocca di tutti. Marco Melandri tornerà in SBK e lo farà in sella ad una Panigale del Team Aruba Racing.


In un comunicato stampa diffuso dal Team Ducati, la Casa augura il meglio per il futuro all'attuale compagno di Chaz Davies, il romano Davide Giugliano.

Alla terza stagione da ufficiale, Davide non ha forse raccolto quanto sperato, anche a causa del pesante infortunio subito ad inzio 2015 a Phillip Island che purtroppo si è ripetuto a Laguna Seca ponendo fine alla stagione passata. Questi due episodi e la mancanza di vittorie hanno probabilmente avvicinato il Team ad un altro nome di grido, che non aveva trovato una collocazione in griglia per il 2016.

Per il ravennate Marco Melandri questo sarà un ritorno in Ducati, dopo la brutta esperienza del 2008, quando partecipò alla stagione MotoGP in sella ad una Desmosedici GP8 che solo Casey Stoner riusciva a portare al limite.



Le difficoltà della stagione e la mancanza di risultati soddisfacenti allontanarono presto Melandri dalla Ducati, separando due strade che si riuniscono oggi.

La volontà di Aruba ha senza dubbio avuto il suo peso, perchè è innegabile che Marco Melandri sia una grande scelta mediatica prima che qualsiasi altra cosa. Ma è altrettanto innegabile che il palmares di Melandri in SBK parla chiaro, con il pilota che è stato capace di raccogliere vittorie e podi a raffica con tutte le moto che ha avuto a disposizione, dalla Yamaha R1 alla BMW S1000, prima di approdare all'Aprilia e trovare la perfetta sintonia con la RSV4.

La stagione 2017 assume un'importanza incredibile per entrambe le parti coinvolte in questo contratto. La Ducati vuole assolutamente vincere e spezzare un digiuno di titoli mondiali che dura dall'ormai lontano 2011 targato Carlos Checa.

D'altra parte Marco Melandri, ha intenzione di dimostrare tutto il proprio valore, zittendo coloro che l'hanno criticato di fronte alla pessima stagione vissuta nel 2015 in Aprilia MotoGP con una moto che era tutto, tranne un prototipo adatto a quella categoria.

Il pilota ha già annunciato di avere in programma dei test sulla Panigale R di serie, che inizieranno presto per prendere confidenza con il carattere di questa moto. L'accoppiata Melandri-Ducati farà parlare moltissimo di sè, fino all'inizio della stagione.

C'è anche una possibilità che si dia la chance a Macio di disputare una wild card entro questa stagione. La pausa prima del Lausitzring è lunga, e l'ipotesi è tutt'altro che peregrina.

martedì 24 maggio 2016

MARCO BARALDI: visita alla Moto Gp, Gran Premio d’Italia - Mugello 2016

Tutta colpa del DucaChef...



Avevo sperato in un pass track perchè erano un po’ di anni che non mi dilettavo a fotografare le prodezze dei piloti della Moto GP. Purtroppo l’illusione è svanita una settimana prima dell’inizio delle prove…
 Mannaggia al Duca Chef !!! 

Pensavo fosse finita ed avevo già appeso la fotocamera al chiodo se non fosse che venerdì sera mi telefona Paolo Mr Kiron ed ecco sbucare 2 pass paddok per l’edizione 2016. Inforco la moto ed eccomi in giro per il paddock con un’ottica corta, mooolto corta. Quella del telefonino! Non potendo fotografare le moto ho dovuto (aimè) ripiegare sulla fauna da paddock. Lo sporco lavoro continua…





















MARCO BARALDI, "Mansell" per quelli che lo conoscono come Presidente del Ducati Monster Club Italia, nasce a Bologna un bel po’ di anni fa, sempre stato appassionato di fotografia fin da piccolo.
"Mi piace incontrare nuova gente e fare nuove esperienze in Italia o fuori da essa 

Casting ombrelline Team Aruba Racing – Ducati


Sono stato incaricato di selezionare le prossime 2 ragazze ombrello del Team Aruba.it Racing – Ducati per la tappa del campionato mondiale Superbike nel circuito intitolato a Marco Simoncelli in quel di Misano Adriatico. L’evento avrà luogo dal 17 al 19 giugno 2016. Inviami i tuoi dati corredati di immagini (primo piano, mezzo busto e figura intera) e parteciperai al casting delle 2 ragazze che affiancheranno i piloti ufficiali Davide Giugliano e Chaz Davies in griglia di partenza. Per ulteriori info puoi torvarmi sulla mia pagina facebook o inviarmi una email dal modulo contatti del sito. A presto Marco Baraldi […]


Virtual Tour Google Ducati

Una meravigliosa passeggiata nella storia a due ruote (e non solo…) della Ducati realizzata dal fotografo di Bologna Marco Baraldi. Grazie ad una attrezzatura speciale e software dedicati alla realizzazione dei virtual tours.

Virtual tour museo ducati realizzato dal fotografo Bologna Marco Baraldi
All'Amico "MANSELL", con le scuse per l'involontario bidone ...
                                    Andrea Imondi ... il DucaChef !

giovedì 5 maggio 2016

DESMODONNE INTERNATIONAL...




Desmodonne international è un Club Ducatista indipendente rispetto i Desmo Owners Club ufficiali, ha sede in Norvegia anche se è rappresentato da 5 paesi!

Si propone come scopo quello di aiutare donne motocicliste o semplici appassionate delle due ruote, per renderle autonome,  incoraggiando anche quelle che magari dubitano delle loro capacità per farle diventare finalmente “ex zavorrine”.

 di Elisa Garuti



-       
                    Come vengono viste negli altri paesi, che rapporto hanno con le loro moto, fanno viaggi di gruppo tra loro, con mariti/fidanzati o sono indipendenti?

Abbiamo sentito al riguardo tre di loro…

Elena Sarti, Presidentessa del DOC B.go Panigale, e Vice-Presidente del DesmoDonne International:
“ Sì,  Desmodonne è un club indipendente.
L'idea è nata da Vibeche Tveit, presidente del Ducati Club Arctic 71° N DOC (Norvegia).
Le donne presidenti di Club ufficiali non sono tantissime (3 in Italia) e poche altre nel mondo.


Non è un club ufficiale Ducati ma è composto e supportato da presidenti donne di Club Ufficiali:
- Vibeche Tveit, presidente del Ducati Club Arctic 71° N DOC (Norvegia), è la responsabile delle operazioni e Presidente.
- Elena Sarti, Presidente DOC Borgo Panigale, riveste la carica di Vice-Presidente,
- Petra Laur, Presidente di Incontro Ducati Mainz (Germania)
- Gabriella Corsi, Presidente del Desmo Owners Club Sud Africa
- Vicki Smith, (USA) Presidente di Ducati.net e DOC Sud Florida ed ex Coordinatrice DOC Nord America.


A tutte è piaciuta l'idea di riunirci e supportare le donne!!!
Vibeche voleva far emergere le donne motocicliste, dare loro un supporto, anche la forza di mettersi in sella!!! Non sempre è facile... è rimasta molto colpita come in paesi anche evoluti come il Giappone le donne in sella non siano ben viste e considerate delle “poco di buono”.
Noi, tutte donne Ducatiste, abbiamo pensato di dare voce alle donne motocicliste di tutto il mondo.”

Gaby Corsi,  Presidente del Desmo Owners Club Sud Africa:
“Le donne motocicliste sono tante, ma, ahimé, di Desmodonne ce ne sono poche! Stanno crescendo di numero negli ultimi anni e molte di loro escono con il loro partner,  ma sono ancora poche quelle che girano da sole.  C’è un grande rispetto per noi motocicliste qui tra i motociclisti del Sud Africa, siamo rispettate e facciamo parte del loro mondo! Molte le donne nel mondo delle corse, ma non in quello Ducati. 


Due anni fa ho cercato di far nascere il Desmodonne Racing Team, ma con poco successo, un po' per gli sponsor (non facili da trovare), un po' per la difficoltà di trovare donne che abbiano dentro la passione per Ducati!
Desmodonne è nato per caso,  durante il WPM due anni fa, chiacchierando con Vibeche e con altre appassionate. Un’ idea, un sogno...quello di creare qualcosa di speciale per sole Donne Ducatiste , zavorrine Ducatiste e sognatrici di Ducati.
Una piattaforma dove ogni donna può raccontare la propria storia e la propria passione per questo marchio, dove è possibile fare domande, senza essere prese in giro o essere giudicate!
Benché rispettate, in fondo in fondo c'e' sempre quel pregiudizio che ci fa considerare delle poco di buono e in molti paesi non siamo ben viste!
Abbiamo un sito web con una pagina dove acquistare abbigliamento Desmodonne! (www.desmodonne.com), una pagine Facebook dove sono ammesse solo donne ed un'altra pagina pubblica dove il resto del mondo può vedere cosa facciamo e commentare i post.”


Vicki Smith, Presidente di Ducati.net e DOC Sud Florida ed ex Coordinatrice DOC Nord America:
“In America le donne motocicliste non sono rare e tutto va alla contribuzione di  Harley Davidson ed infatti le donne motocicliste ci sono sempre state da quando esistono le motociclette!”

-                     La presenza al WDW sarà un'ottima occasione per conoscere nuove Ducatiste. Ci sono altri progetti per organizzare giornate in rosso?

Elena:
“Purtroppo essendo lontante geograficamente gli incontri non sono frequenti, anche se Vibeche passa da Bologna abbastanza spesso. Quest'anno io e Vibeche saremo al DesmoSpring (raduno dei DOC di inizio stagione) ad Alba e naturalmente poi ci incontreremo tutte a Misano al WDW!!!”

Gaby:
“Siamo riuscite nel 2014 ad avere un po' di visibilità al WDW, non tantissimo in realtà! lo scorso anno abbiamo tentato di diventare un CLUB Ufficiale, ma non ci siamo ancora riuscite!
La regola base per diventare un DOC ufficiale è quella di essere affiliate ad e di essere affiancate da un Concessionario Ducati e visto che siamo sparpagliate in giro per il mondo, questa non ha reso le cose facili.
Ma  con l'autorizzazione di Vibeche è nato il primo DOC ufficiale Desmodonne Malasia, il quale e' molto attivo!”

-        
           
                                  Come siete arrivate ad essere Ducatiste e a diventare Presidentesse dei vostri club?

Elena:
“...E' tutta colpa di mia mamma, Lidia Barbieri, che ha lavorato 27 anni in Ducati! Veramente tutti e due i miei genitori lavoravano in Ducati, ma la pazza scatenata per le gare e per la Ducati è mia mamma... pazza ancora lo è nonostante abbia 70 anni e sia in pensione!


Il club lo ha fondato lei 18 anni fa, nel 1998. Io l'ho sostituita tra il 2010 e il 2011. Da appassionata e passeggera sono passata ad essere motociclista pure io! A 39 anni ho deciso che era arrivato il momento... Faccio ancora la passeggera durante i lunghi viaggi, ma i miei 10.000 km all'anno me li faccio con il mio Monster 620!

Nonostante gli impegni che ho per il mio DOC ho deciso di supportare anche Desmodonne, per dare più visibilità alle donne che fortunatamente stanno aumentando in questo mondo prettamente maschile!”

Gaby:
“L’amore per le moto l'ho sempre avuto e la mia prima volta è stata in sella ad una Benelli 125 da sedicenne
...e l'Amore e Passione per le moto sono sbocciati!
In Italia si iniziava a vedere qualche donna in moto ed il sogno di possederne una stava nascendo…
Nel 1985 la mia vita cambiò per un concorso di bellezza  e sono approdata in Sud Africa, paese che ben poco conoscevo e con poca dimistichezza con l'inglese.
La mia prima moto l'ho acquista proprio in Sud Africa:  era una Suzuki 250 Gamma.
All’epoca Ducati in Sud Africa non era ancora molto conosciuta e la Rete Vendita ed Assistenza era pressoché  inesistente.
Ma l'Amore per Ducati già c'era!!!
...sono quindi dapprima passata ad una Kawasaki 600 e poi ad una Honda VTR 1000 (come vedi si sale di cilindrata)
Poi Ducati in Sud Africa cominciò a diffondersi sempre più capillarmente. Nel 2007 venne a Johannesburg Troy Bayliss per il lancio della 1098
… e che dire: non ho resistito a quello sguardo, a quelle linee della 1098 che decisi sarebbe stata MIA!!! 


E  con la mia voglia di distinguermi, che mi caratterizza da sempre, l’acquistai gialla, un colore unico e che è uno dei colori storici di Ducati. Finalmente il Sogno si era realizzato!
 Nel 2008 mi fu offerto di diventare Presidente del DOC Sud Africa: io, Italiana e con la mia Passione per le Moto e per il Made in B.go Panigale da trasmettere, da allora porto avanti il DOCSA.
I Ducatisti sono tanti e il DOCSA al momento conta oltre  260 iscritti e continua a crescere , ma in Sud Africa sono più di 400 i Ducatisti, per la maggior parte collezionisti di pezzi d’epoca e di special edition!”

Vicki:
“Guido Ducati in America dal 1987 e la preferisco a tutte le altre marche perché non sono molto alta e quindi per me  sono più facili da guidare.


Erano Rosse erano Italiane e venendo dal mondo delle corse automobilistiche l'ho trovata una combinazione perfetta. Ducati poi iniziò anche a dare opzioni di altezza per la sella e questa caratteristica mi piacque moltissimo. Questa soluzione era perfetta per una donna motociclista. Poi in sella alle Ducati nacque l’Amore e divenni Ducatista.”

        
       

         Questa è la dimostrazione che la passione che lega i Ducatisti è veramente qualcosa di speciale...c'è una sorta di Fratellanza che ci tiene sempre uniti. Le ragazze che hanno aderito a questo importante Progetto sono state sicuramente coinvolte per Amore del Marchio e per la voglia di condividere la gioia che porta in garage una Ducati !!!

Credo che ogni donna che farà questo grande grande Passo, ne sarà felice a vita!

Se c'è la Passione bisogna seguirla e in Ducati la si può condividere grazie ai DOC ed a Club esclusivi come DESMODONNE INTERNATIONAL.



Ringrazio di cuore le mie Amiche Desmodonne , Elena , Gaby e Vicki per la disponibilità

Ed un lamps a tutte le DUCATISTE !!!

 Elisa Garuti



 
 
 

Redazione Motori Sport Review Motori: tutta la verità, nient'altro che la verità